Nuovo Audiolibro: Frankenstein, di Mary Shelley

Il Moderno Prometeo

Il Moderno Prometeo

Nonostante i vari ritardi, le difficoltà tecniche, i mal di gola e i cali di voce il giorno della pubblicazione è finalmente arrivato: da oggi, l’ultima fatica Ménéstrandise è disponibile per il free download.
Frankenstein (scaricabile cliccando sulla copertina qui a sinistra) è per me un audiolibro particolarmente speciale, come ho descritto tempo fa in questo post. Oltre ad una questione di affetto personale, è stato un audiolibro molto intenso anche a livello di produzione.

L’idea di registrare Frankenstein nacque prima dell’estate, quando registrai la prima lettera di Robert Walton a sua sorella Margaret: questo scambio di corrispondenza funge da prologo e da epilogo per il libro, ed è servito a me come trampolino di lancio per una futura registrazione.
Il progetto è stato poi abbandonato a sé stesso, un po’ anche per la sua grandezza che tendeva ad intimidirmi. È per questo che abbandonai temporaneamete Shelly per dedicarmi alla collezione di racconti di Poe, ad Uno Studio in Rosso di A.C. Doyle e infine, quasi a sorpresa, ad Insania Aeterna di Lovecraft.

Dopo aver pubblicato Uno Studio in Rosso ho deciso di prendere una breve pausa di riflessione per fare un passo indietro e decidere in quale direzione muovermi in futuro. Producendo in maniera completamente indipendente, la scelta di un libro da narrare dev’essere molto ponderata in quanto finale e poco incline al perdono: una volta scelto un titolo, bisogna portarlo avanti fino alla fine per non perdere tempo prezioso. La scelta ricade anche su un discorso di copyright (dal quale mi terrò alla larga) e su ciò che possono essere i gusti degli ascoltatori. Andando sui classici, spero di andare sul sicuro.

E così, un paio di settimane dopo la pubblicazione de Uno Studio in Rosso, ho ritrovato quasi per caso la registrazione della prima lettera d’apertura del romanzo. A quel particolare momento si è sovrapposto anche l’inizio della collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi, grazie alla quale sono riuscito ad affinare la parte più tecnica della produzione di un audiolibro. Con queste nuove conoscenze alla mano, ho iniziato un processo di registrazione costante composto da ritagli di tempo nel corso della giornata che nel giro di un mese ha portato alla conclusione di questa monumentale opera. Monumentale almeno per me: questo audiolibro dura quasi il doppio de Uno Studio in Rosso, il più lungo pubblicato fino a questo momento: Frankenstein infatti gode di ben 465 minuti di narrazione, ossia circa 7 ore e 25 minuti.

Nei prossimi giorni invece annuncerò il prossimo audiolibro completo che  dovrebbe vedere la luce entro la seconda settimana di Gennaio, mentre entro fine Dicembre verrà pubblicata una collezione di racconti di narrativa storica nati dalla virtuosa penna di GiamPiero Brenci.

Conclusa questa breve introduzione a me non resta altro che augurarvi buon ascolto, sperando che la mia ultima fatica sia di vostro gradimento.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s