Il Processo Creativo

Questo giovedì di festa procede lentamente, e prima di tornare a registrare pensavo di scrivere un breve post dedicato alla creazione di un audiolibro.

Il mio modesto studio è composto come si vede nella foto di sotto: Scheda audio esterna Firewire F-Control Behringer, microfono a condensatore C-1 Behringer , mixer Xenyx 802 Behringer, Filtro Antipop Proel e cuffie Peaq PHP 500. Tranne queste ultime, tutti gli altri componenti facevano parte di un kit Behringer. Il mio studio, includendo la spesa delle ultime cuffie che hanno sostituito le precedenti, è stato allestito con meno di 250 Euro.

Tutta la parte fonica è collegata ad un vecchio computer risalente al 2005, un Toshiba Satellite M40-281 riportato in vita grazie all’ultima versione di Ubuntu Studio. Questo particolare sistema operativo basato su Linux, incentrato principalmente sulla multimedialità, mi ha permesso di trasformare quello che era ormai un vecchio rottame nel mio principale computer da registrazione.

Per quanto riguarda la parte software, mi appoggio principalmente ad Ardour per registrare: Ardour è una digital audio workstation completamente open source (così come Ubuntu Studio), il che coincide molto con la mia idea di audiolibri liberi, indipendenti, e gratuiti.

Qui sotto un’immagine di Ardour all’opera durante la registrazione del prossimo audiolibro, Frankenstein.

Senza scendere troppo in dettagli tecnici, altrimenti finisce che mi perdo anche io, spiego semplicemente che Ardour permette di creare quante tracce si vuole per poi esportarle singolarmente in un formato a scelta. Questo permette di lavorare su più tracce contemporaneamente all’interno dello stesso progetto, per evitare di disperdere troppo il proprio lavoro.

Una volta completata la registrazione, il file audio viene esportato in formato WAV. A quel punto viene passato attraverso un altro programma open source, Audacity, dove vengono effettuati gli ultimi ritocchi come rimozione rumore o equalizzazione alti e bassi: insomma, viene ripulito dalle piccole imperfezioni presenti in fase di registrazione.

Terminata questa fase il file viene compresso ed esportato nuovamente, questa volta in mp3: a questo punto, l’audio è pronto per essere ascoltato.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s